Un blog con un dominio tutto mio : Cris Cri

DSC01521

Buongiorno,

in questi mesi di assenza sono accadute davvero moltissime cose che hanno saputo, a loro modo rivoluzionarmi la vita… cose che per la loro intensità hanno richiesto una mia costante presenza e attenzione. Questo mi ha allontanato un po’ dal mondo della scrittura e da quelle che sono le mie passioni.

Un matrimonio, un cambio di casa sono eventi bellissimi che per quanto emozionanti richiedono un certo impegno e per sei mesi la mia vita è ruotata intorno all’organizzazione di momenti che sono davvero indimenticabili ed irripetibili per la vita di una donna. Sono stata spesso sopraffatta e travolta da emozioni intense che hanno saputo regalare tanto alla mia crescita personale. Ho fatto cose che fino a qualche tempo fa era impensabile avrei mai fatto ed stato bellissimo e rivelatore scoprire dei nuovi lati di me, una forza che pensavo di non avere ….

Di questo forse un giorno vi parlerò, oggi però sono tornata per dirvi che ho aperto un nuovo blog questa volta con un dominio tutto mio: http://www.criscri.com/

La parte grafica è pronta e a breve verranno pubblicati i primi articoli! Vi aspetto numerosi e spero di trovare su Cris Cri lo stesso affetto incondizionato, lo stesso calore che avete saputo regalarmi in questo ultimo anno qua tra le righe di unarcencieldecolouretdevie che, a mio malincuore, presto chiuderà i battenti.

Non mi resta che salutarvi mandarvi un grosso abbraccio virtuale!

 

 

 

 

Annunci

Le recensioni che vorrei Vs la realtà ……

IMG_20180219_145806

Il mondo del web ad oggi pullula di “recensioni” di ogni genere ma credo, converrete con me, che ormai il gradino più alto del podio sia stato conquistato a mani basse dalla sfera beauty/ make-up.

Le aziende hanno incentrato e concentrato tutto il marketing sulle youtuber / influencer che vengono ricoperte giornalmente di prodotti come se non ci fosse un domani tanto che saranno presto costrette ad uscire di casa per far posto e stipare centinaia di prodotti che verranno poi puntualmente cestinati. Non prendiamoci in giro….. per quanto uno si trucchi tutti, e sottolineo tutti, i giorni servirebbero centinaia di facce per terminare tutta quella mole di make-up. Ma evidentemente quello dello spreco è il “piccolo” e insignificante prezzo da pagare da parte della aziende per emergere….

Tutti mostrano tutto perchè a tutti arriva tutto e dico mostrano perchè è quello che realmente accade. Veniamo bombardati giornalmente da una marea di video di ogni genere a puro scopo di intrattenimento all’interno dei quali vengono esibiti dei prodotti, gli stessi che, se siamo fortunate, possiamo ritrovare applicati in un qualche GRWM o MPCV che dir si voglia. Quegli stessi GRWM realizzati con luci fotoniche e videocamere HD che quasi quasi fanno un baffo ai set cinematografici di Hollywood. Il tutto culmina in un bel “promossi e bocciati del mese”. 30 minuti e passa di registrazione per fare un bel minestrone e ancora una volta nella maggior parte dei casi la parola d’ordine è esibire.

Aziende Eco-bio, che non solo vogliono prendersi cura della nostra pelle ma anche dell’ambiente in cui viviamo, realizzano prodotti ecologici e biologici in grado di rispettare noi stessi e l’ambiente. Coerentemente al loro ammirevole progetto mobilitano poi allo spostamento centinaia di youtuber che arrivano da ogni dove per assistere alla conferenza stampa di una nuova linea di prodotti…. e di certo i tranferts influiscono positivamente sulla qualità dell’aria che respiriamo.

Il consumismo lo sappiamo è innegabile. Nella giusta misura è il motore di una società in salute, crea occupazione e non va di certo condannato. Le influencer svolgono però il loro lavoro con una facilità disarmante; l’ acquirente di oggi  resta troppo spesso ipnotizzato da una perfezione fasulla, da una empatia del tutto costruita ed ingiustificata.

La voglia di assomigliare supera di gran lunga la semplice curiosità o la reale necessità. Questo le aziende lo hanno capito bene e perciò puntano tutto su certi soggetti quelli che più vengono idolatrati. Ecco che però la reale e tangibile competenza nel recensire di alcuni canali  passa di certo in secondo piano, viene totalmente offuscata e soffocata dalla capacità di altri di puntare tutto su altri aspetti. Se mi si chiedesse che cosa vorresti sul Tubo non avrei alcun dubbio …. reali recensioni, prodotti messi davvero alla prova, protagonisti a 360°, descritti per quello che sono realmente.  In generale vorrei che anche tra le pagine del consumismo si potesse celare un mondo basato più sulla sostanza e meno sull’apparenza condito con un pizzico di trasparenza e sincerità in più.

Voi cosa ne pensate?

Un Arc En Ciel De Colour Et De Vie

Cristina

 

 

Serum 7 Lift Boots Laboratories – Crème de Nuit Jeunesse

20180110_160418

Crème de Nuit Jeunesse  Serum 7 Lift è una crema da viso notte prodotta da Boots Laboratories acquistata da me in farmacia in combo con la rispettiva crema da giorno.  La linea SERUM 7 LIFT è stata sviluppata per aiutare a migliorare visibilmente i segni del tempo sul viso, per una pelle dall’aspetto visibilmente più giovane in soli 28 giorni. L’acquisto in questo caso è scattato per pura curiosità…. ero alla ricerca di un prodotto che potesse in qualche modo migliorare i segni d’espressione che, aimè, alla soglia dei 28 anni hanno fatto capolino sul mio viso, mi sono imbattuta in lei, per altro scontatissima, e allora mi sono detta perchè no ….

Per quella irrefrenabile curiosità mi sono messa subito ad utilizzarla, naturalmente in combo con sua sorella: la crema da giorno sulla quale stendo però un velo pietoso. Sin dalle primissime applicazioni è stata in grado di stupirmi non tanto come crema antirughe in se ma per la sua forte e spiccata azione idratante. Dovete sapere che non esiste pelle più secca della mia, soprattutto in alcuni periodi dell’anno, ma con una applicazione costante di questo prodotto la situazione è andata a migliore con il tempo.  Ho sospeso il suo utilizzo durante il periodo estivo perchè davvero troppo ricca per essere tollerata dalla mia pelle durante le afose nottate estive e poi è stata accantonata con l’arrivo della mia crema della vita, per altro ad INCI più naturale ( ancora una volta vi cito lei  Crema Viso Alla Bava Di Lumaca: L’IKE COSMETICI  ).

E ad oggi, a distanza di pochissime applicazioni dal terminarla, ( giusto tre o quattro ) entrando di diritto nel progetto smaltimento sono pronta a raccontarvi qualcosa in più su questo prodotto che, tirando le somme, ha saputo farsi apprezzate fino alla fine.

Partiamo dunque dal pack. La crema è contenuta all’interno di un pratico barattolo da 50 ml in vetro trasparente. Sapete quanto io poco apprezzi questo tipo di conservazione del prodotto. Non condivido l’idea, per quanto pratica e funzionale, di dover infilare le dita per prelevarlo. Per quanto uno stenda la crema sul viso con le mani pulite preferisco affidarmi all’ausilio di una spatolina per portare il prodotto dove occorre evitando così contaminazioni. Apprezzo però molto la scelta di un barattolo in vetro ed il fatto di aver scelto un vetro trasparente mi da la possibilità di tenere sotto controllo il livello di consumo.  Il tappo è di un bianco perlato, sulla sommità riporta scritto il nome del brand. Il nome della crema invece è impresso sul barattolo con un font semplice, lineare e pulito. Viene venduta all’interno di una confezione in cartonato che personalmente ho conservato per non esporre la crema alla luce e per ” proteggerla” dagli urti.  Il prodotto in se è particolarmente denso e strutturato ( capovolgendo il vasetto la crema resta aggrappata alle pareti senza fuoriuscire ), la profumazione è davvero paradisiaca, una vera coccola per il nostro olfatto. Non saprei descrivervela se non dicendovi: ” avete presente le creme che indossavano le nonne ?”  Ecco è lei! La colorazione è avorio e ne basta davvero una quantità ridotta per fare tutto il viso. Va  massaggiata, massaggiata, massaggiata. Si assorbe con una certa facilità ma, ripeto, va lavorata.  Anche su quelle pelli, come la mia, che bevono di tutto richiede un minimo di attenzione in più. Essendo particolarmente nutriente il volto resta leggermente unto, anche se non si tratta di un unto fastidioso.

A titolo informativo vi posto l’INCI ricordandovi che se fate esclusivamente uso di prodotti bio questa non fa assolutamente al vostro caso : Aqua (Water), Glycerin, Butyrospermum parkii (Shea) butter, Cyclopentasiloxane, Steareth-21, C12-15 alkyl benzoate, Caprylic/capric triglyceride, Cyclohexasiloxane, Dimethicone, Polyacrylamide, Steareth-2, Cetearyl alcohol, Glyceryl stearate, VP/hexadecene copolymer, C13-14 isoparaffin, Argania spinosa kernel oil, Dipalmitoyl hydroxyproline, Dimethiconol, Butylene glycol, Parfum (Fragrance), Sodium ascorbyl phosphate, Laureth-7, Caprylyl glycol, Sodium citrate, Citric acid, Sodium benzoate, Ethylhexylglycerin, Retinyl palmitate, Potassium sorbate, Phenoxyethanol, Dipropylene glycol, Lupinus albus seed extract, Carbomer, Polysorbate 20, Haematococcus pluvialis powder, Polyglucuronic acid, Tocopherol, Palmitoyl oligopeptide, Palmitoyl tetrapeptide-7, Biotin, Tetrasodium EDTA.

Per concludere …. è super promossa per quanto riguarda l’idratazione e il nutrimento, non lo è altrettanto sulla questione “correzione rughe”:  su di me, sotto questo aspetto, i risultati sono stati scarsi e poco soddisfacenti. Non mi sento però di bocciarla in quanto è stata una vera scoperta. La consiglio alle pelli mature, o alle pelli dai 28 in su se particolarmente secche e bisognose di nutrimento e idratazione.

Conoscete questo brand? Utilizzate delle creme acquistate in farmacia ?

Vi saluto mandandovi un bacio e un abbraccio, vi auguro una buona giornata!

Vi ricordo che per una chiacchierata mi potete trovare su instagram cercatemi come unarcencieldecolouretdevie sarò felice di confrontarmi un po’ con voi.

Un Arc En Ciel De Colour Et De Vie

Cristina

 

 

 

 

 

TOP FIVE 2017

20180103_142943

Inauguro questo 2018  facendo un accenno doveroso al passato, all’anno appena concluso …. oggi infatti ho deciso, dopo una lunga assenza, di parlarvi della mia top five, i cinque prodotti scoperta che mi hanno accompagnato nel corso di un 2017 difficile sotto tanti punti di vista.

Avrei potuto scegliere un rappresentante per ogni categoria ma così non ho fatto, ho voluto restringere il campo prendendo in considerazione solo gli irrinunciabili coloro i quali certamente mi accompagneranno in questo nuovo anno ancora tutto da vivere.

La base resta uno dei passaggi più ostici nella routine giornaliera delle donne ed io come tante sono sempre alla ricerca di un fondotinta e di un correttore che possano rispondere alle mie sofisticate esigenze. Non ho una pelle particolarmente segnata se non per qualche brutta cicatrice lasciata dalla varicella e qualche amico brufolo che saltuariamente fa capolino nei momenti meno indicati. Questo, però, non toglie il fatto che sia sempre alla ricerca di un fondotinta giornaliero, uniformante, poco coprente, leggero, economico, dalla durata accettabile che si adatti ad una pelle secca senza enfatizzare pellicine varie. Insomma un fondotinta che regali un effetto quasi wow; lo sappiamo la perfezione è difficile da trovare e al momento l’ho riscontrata solo nei fondotinta di alta profumeria che aimè cerco di centellinare e conservare per le migliori occasioni.  20180103_141738Per farla breve il miglior fondotinta provato, che risponde a tutte queste caratteristiche in maniera più che soddisfacente, è il “liquid skin second skin foundation”  di Kiko che possiedo nella colorazione WB 15, si tratta di un fondotinta liquido con la formulazione molto acquosa. Diciamo che per concept si ispira ai ben più costosi e performanti “Armani Maestro” di Armani e “Nude magique eau de taint” di L’oreal. All’interno contiene: acido ialuronico utile ad idratare la pelle, la vitamina C e il resveratrolo che servono per far rimanere la pelle elastica e la Creatina che aiuta a mantenere la morbidezza della pelle. Inoltre è senza profumi e parabeni; la boccetta contiene 30 ml di prodotto e dal momento dell’apertura dura 6 mesi. Promette di regalare un effetto seconda pelle e per quanto mi riguarda è proprio così non fa mascherone e non segna nemmeno se stratificato. Per la durata non mi posso lamentare anche se, è ovvio, non ha una durata di 24 ore. L’erogatore con il contagocce è comodo e personalmente lo stendo con una blender leggermente inumidita per un effetto ancora più naturale.

Passando al correttore …. prima che mi fosse regalato lui per un trucco giornaliero ero solita stratificare diversi prodotti per ottenere la coprenza desiderata andando a penalizzare però il risultato, tutto mi sembrava essere troppo pastoso e troppo poco coprente con un effetto finale a colpo d’occhio davvero poco soddisfacente.20180103_141950 Da quanto utilizzo il “PRO.conceal HD.high-definition” di L.A. Girl nella colorazione Classic Ivory ho ottenuto ottimi risultato con il minimo sforzo, basta stenderlo e sfumarlo non con un pennello ma con il pennello che il gioco è fatto. La sua perfetta colorazione leggermente pescata copre, illumina e grazie alla sua formulazione così leggera non segna. Si tratta di un prodotto reperibile su Maquillalia ad un costo contenuto di 6,49 € .

Irrinunciabile, riesce a creare una base perfetta per gli ombretti, ne esalta i colori, evita quel fastidioso accumulo nelle pieghette della palpebra e prolunga la durata di tutto il make-up occhi. Come avete già capito sto parlando di lui,del Primer! Da tempo immemore nella routine giornaliera ero solita sfruttare il tanto chiacchierato I love stage di Essence un prodotto a suo modo valido e apprezzabile ma dalla colorazione un po’ troppo marcata e spenta che sinceramente aveva incominciato a stancarmi un po’. 20180103_141915Acquistai quindi da Sephora un primer poco conosciuto ma che da subito mi ha incuriosito molto. Parlo del “Primer occhi fissatore lungadurata” di Collistar. Questo prodotto promette di agire su tre fronti. Azione fissante lungadurata: crea un film che facilita l’applicazione del trucco, ne esalta la resa cromatica e ne prolunga la tenuta. Azione levigante: minimizza imperfezioni, discromie cutanee e piccole rughe. Azione trattante: idrata, protegge e conferisce massimo confort.  Su di me non ha deluso le aspettative. Si tratta di una cremina soffice praticamente incolore e dalla profumazione piacevole e delicata. E’ un primer leggermente appiccicoso che si asciuga però con estrema facilità senza causare macchia di colore o problemi di sfumatura. I colori rimangono vividi senza miscelarsi con il trascorrere delle ore. Grazie a lui posso utilizzare anche ombretti meno performanti ottenendo ottimi risultati duraturi nel tempo.

Nella mia top five non potevo non inserire un prodotto di skin care che è stato un vero toccasana per la mia pelle: Crema viso alla bava di Lumaca del Brand L’IKE cosmetici. 20170718_105243Di questo prodotto vi ho parlato ampiamente in un articolo di cui vi lascio qui il link Crema Viso Alla Bava Di Lumaca: L’IKE COSMETICI. Per non farla troppo lunga e per non essere troppo ripetitiva posso riassumerla in due parole nutrimento e idratazione. Mi è piaciuta talmente tanto che in questo momento sono alla mia terza confezione. Spesso mi trovo ad utilizzarla in combo con un siero : il “Siero Viso eco biologico lifting immediato coenzima Q10 olio di Argan” di Omnia.

Se qualche anno fa pensavo un pennello vale l’altro ho dovuto ricredermi quando ho avuto l’occasione di avere tra le mani per la prima volta i pennelli occhi di Zoeva. Qui ve ne ho portato uno di rappresentanza ma li ho trovati tutti davvero performanti per quanto riguarda l’aspetto sfumatura. In casa il brand ne possiede di ogni dimensione e questo facilita molto il trucco occhi perchè è possibile avere un pennello 20180103_142235per ogni effetto che si vuole ottenere! Ho sempre fatto molta fatica a sfumare gli ombretti ma da quanto li posseggo sono riuscita ad ottenere ottimi risultati nel minor tempo possibile perchè tutto il grosso del lavoro lo fanno da se. Le setole sono morbide, una vera coccola per gli occhi. Il manico è solido e garantisce quindi una buona presa.  Ecco perchè prima mi sono lasciata scappare “il pennello e non un pennello” …. infatti, anche per quanto riguarda la sfumatura del correttore/i il 142 di Zoeva è davvero fantastico, le setole compatte stendono alla perfezione il prodotto nella zona perioculare senza lasciare striature e regalando un effetto molto naturale.

Con questo articolo colgo l’occasione per augurare a tutte/i un sereno e felice 2018!!!

Cristina

Un Arc En Ciel De Colour Et De Vie